Search

Acquistare un auto, consigli pratici

Posted in Senza categoria by luigi on nov 20th, 2012

Acquistare un’auto? Ci sono dei punti chiave di cui tener conto, per evitare che un ottimo investimento possa rivelarsi un pessimo affare.

Quando si decide di investire denaro nell’acquisto di un’auto usata, si sa che si rischia sempre un po’: il rischio finanziario è solo uno delle connotazioni di aleatorietà, e sullo stesso incidono anche altri aspetti. Ecco un paio di cose di cui è bene tener presente per salvaguardare se stessi ed il proprio portafogli.

Innanzitutto, prima di scegliere il modello, dovreste avere un’idea chiara delle vostre finanze, di quanto potete investire e per cosa userete l’auto (brevi spostamenti in città, per lunghi tragitti, per visitare i casino …). In questo modo potrete fare una prima selezione delle auto che fanno al caso vostro. Poi informatevi sui prezzi correnti delle auto usate consultando riviste specializzate (le trovate anche in edicola).

Molto spesso la facciata rimane tale, e alla stessa non fa seguito un effettivo vantaggio prestazionale: consumi medi, velocità, praticità, rapporto potenza/consumi, affidabilità, fruibilità dell’ assistenza, costi dell’assistenza stessa.

Godere di un’auto vuol dire aver accesso anche a tutta questa serie di elementi collaterali. Buttarsi in strada alla volta in una bella località turistica o nella quale si possa dar adito ad una propria passione può rimanere una soddisfazione collaterale se per arrivarci devo affrontare un salasso. Sembrerà una formalità, ma molti italiani non affrontano la valutazione esatta di quanto sono in grado di spendere, o quanto meno si fermano alla sola capacità di spesa iniziale, senza valutare anche quella progressiva, relativa alla semplice inerzia d’uso dell’autovettura.

Sarà anche segno dei tempi difficili, ma i casi di auto parcheggiate in garage a prender freddo ed umidità sono sempre più frequenti: auto che verranno annoverate nel computo degli acquisti, ma non nel numero di vetture che solcano le strade di città e autostrade. Un costo fermo, insomma,  non ammortizzato,  ed un’inefficienza per il sistema produttivo.


I consigli indispensabili per risparmiare sulla polizza auto

Posted in Senza categoria by francesco on lug 23rd, 2012

Risparmiare sulla propria polizza auto può essere alquanto difficile se non si seguono alcuni pratici e semplici consigli. Il primo di tutti è quello di navigare a vista e di rivolgere costantemente un occhio al mercato delle polizze assicurative.

Un utile strumento di raffronto è rappresentato, ad esempio, dai comparatori online come quello di  Preventiviassicurazioni.it: facile da usare, immediato nella visualizzazione di un preventivo, con la possibilità di bloccare il prezzo della polizza desiderata. Anche chi non ha particolari competenze informatiche può usarlo, settando di volta in volta, a suo piacimento, gli elementi della polizza auto in base ai quali confrontare le  varie offerte presenti sul mercato.

Sono comparatori ampiamente modulabili e personalizzabili, pertanto anche il raffronto ne gioverà in rapidità e soddisfazione delle proprie richieste. Due delle clausole da non sottovalutare sono la clausola del guidatore esperto e del guidatore unico.  Sono clausole contrattuali associate a sconti di tariffa, che limitano nel primo caso l’uso del veicolo a persone con più di 25 anni e 2 anni di patente e nel secondo caso a una sola persona indicata nel contratto.

Le polizze a consumo sono una valida alternativa alle più tradizionali polizze auto, perché prevedono un significativo risparmio economico, purché ci si attenga alle condizioni contrattuali prescritte. La polizza chilometrica prevede l’installazione di un sistema Gps sul proprio veicolo per monitorare il chilometraggio percorso. Il sistema di rilevazione installato potrà consentire di localizzare anche l’auto in caso di furto.

E se si guida l’auto solo per determinati periodi dell’anno potrebbe esser utile sottoscrivere una polizza a tempo, indicando il periodo dell’anno in cui garantire all’auto la copertura assicurativa. Anche i giovani hanno la possibilità, grazie al Decreto Bersani , di risparmiare sulla polizza auto.

Se si possiede un secondo veicolo in famiglia, si ha diritto ad assicurarlo alla stessa classe di merito del primo veicolo, se questa è più favorevole. E almeno per i primi anni sarebbe utile il consiglio di ridurre all’osso le coperture, le garanzie e i servizi inclusi nella polizza, in modo da evitare di far lievitare il costo del preventivo.

 


Automobili usate, le quattro ruote sintetizzano il contesto economico

Posted in auto usate by Luigi Riccio on lug 19th, 2012

Automobili usate, i giovani dicono si

Le automobili usate dirigono il mercato delle quattro ruote, e come potrebbe essere altrimenti, visto il periodo?

Il mercato delle auto non va al di là delle dinamiche consolidate nel periodo di crisi: chi acquista auto nuove è chi può contare su una certa stabilità economica,  gli ultrasessantenni; i più giovani invece, se vogliono un auto non possono che ricorrere all’usato.

Anche chi non mastica granchè di economia sa che il mercato delle commodities sintetizza le caratteristiche più trasversali del mercato, e quello delle automobili usate sarebbe un ottimo vettore per chi intendesse veicolare i propri investimenti in borsa.

Basta che il rispristino del vecchio, considerando che anche usato può essere bello,  non dia maggiore spessore all’alea di depressione e sgomento che accompagna i periodi di crisi.

 


Usato, in calo anche i passaggi di proprietà delle auto

Posted in usato by Luigi Riccio on lug 13th, 2012

Il mercato dell’usato in trend negativo

Usato,  anche i passaggi di proprietà delle auto segnano un netto calo nell’ultimo anno: -11,74%.

La crisi induce una contrazione della spesa per consumi,  ed una contrazione ancora più accentuata per i beni durevoli: il clima di prudenza diffuso in un ciclo economico difficile porta ad una riduzione ancora più marcata nel settore delle auto, anche nel caso dell’usato.

E la crisi si dimostra trasversale, nessun brand ne è risparmiato, come testimoniano i dati diffusi dalla Car Next, società del gruppo Lease Plan Italia Spa, specializzata nella vendita di vetture utilizzate nel noleggio a lungo termine. I marchi che mostrano un calo maggiore sono Alfa Romeo e Ford, rispettivamente con un -21,90% e -20,09.

 

 


Dacia Dokker, ancora un nuovo modello per la casa rumena

Posted in auto low cost,Renault by Luigi Riccio on lug 10th, 2012

Dacia Dokker, la nuova nata del marchio del gruppo Renault

Dacia lancia il nuovo modello Dokker, disponibile sul mercato italiano a partire dal prossimo novembre.

La Dacia Dokker è una multispazio, cinque posti, 4,5 litri di consumo medio e 3000 litri di volume interno con due persone a bordo.

La Dokker è il  nono modello presentato in otto anni da parte della casa rumena che gravita nell’universo Renault, casa che continua a mostrare tassi di crescita elevati, ponendosi in questa speciale classifica al terzo posto e con un incoraggiante 3% di vendite complessive ai privati.

La Dokker segue le principali declinazioni del marchio Renault, quelle che lo contraddistinguono: affidabilità, robustezza, agilità e la spinta al fine dell’avvertimento di un senso di simpatia da parte del consumatore.

La Dacia Dokker rinnova inoltre le tradizionali caratteristiche associate al marchio: facilità di guida, silenziosità, buona sicurezza ed una sempre maggiore disponibilità di spazi (si pensi che è presente un vano sottotetto con una capacità disponibile di 12 litri).

 

 

 


Volvo innova i suoi sistemi di sicurezza

Posted in sicurezza,Volvo by Luigi Riccio on lug 10th, 2012

Volvo si conferma attenta alle innovazioni nella sicurezza

Volvo si impegna al fine della riduzione dei rischi di incidente e progetta tre nuovi sistemi di sicurezza.

I nuovi sistemi consentiranno di guidare in modo semi automatico, di ridurre al minimo il rischio d’impatto negli incroci e d’impatto con gli animali.

I tre nuovi sistemi di sicurezza seguono il trend tradizionale della casa svedese, andando ad affiancare i tradizionali City Safety, Volvo Pedestrian Airbag, Volvo Pedestrian Detection.

Il Primo sistema è l’autonomous driving: sensori radar e telecamere all’esterno dell’auto in grado di verificare la distanza dei veicoli che precedono modulando velocità e freni.

Il secondo sistema è l’intersection support: gli stessi sensori e le stesse telemamere moduleranno i freni e la velocità in vista di incroci (tenendo conto della statistica che dice che il 20% degli incidenti avviene appunto in presenza di incroci).

L’animal detection è invece il sistema che previene la collisione con animali.

 

 

 

 

 

 


BMW ActivHybrid 3, il nuovo ibrido della casa tedesca

Posted in auto ecologiche,auto elettriche,Bmw by Luigi Riccio on lug 10th, 2012

Bmw ActivHybrid 3, l’ibrido torna a parlare tedesco

La BMW lancia la sua ibrida. La casa tedesca espone le caratteristiche della nuova ActivHybrid 3,  un’auto in grado di espimere una potenza di 340 cavalli e di procedere in esclusiva modalità elettrica con una velocità massima di 75 km/h per 4 Km di percorrenza.

Le prestazioni del nuovo modello ibrido di BMW si mostrano brillanti: accelerazione da zero a cento in 5,3 secondi, 250 Km/h di velocità massima, 5,9 litri di consumo medio per 100 Km di percorrenza con percentuale bassa di emissione (139g CO2/km).

Il motore ha tecnologia BMW TwinPower Turbo (turbocompressore twin-scroll) con iniezione diretta, 3.0, sei cilindri, 306 cavalli e 400 Nm di coppia motrice.

La trazione è posteriore e può contare su un cambio ad otto rapporti.

Il motore elettrico si autoalimenta nelle fasi di frenata e rilascio.

 


Volkswagen tra le case produttrici più ecologiche al mondo

Posted in auto ecologiche,Volkswagen by Luigi Riccio on lug 6th, 2012

Volkswagen si distingue per la sua vocazione ecologica

La Volkswagen, secondo un’indagine condotta dalla società di consulenza Interbrand, scala la classifica delle aziende che privilegiano nelle proprie scelte la ecosostenibilità.

La Volkswagen risulta in particolare la casa automobilistica tedesca più rispettosa dell’ ambiente.

Il “Best Global Brand Reports” viene assegnato considerando le politiche industriali da un lato, e dall’altro la percezione di più di 10.000 consumatori nei dieci paesi più industrializzati al mondo.
La casa automobilistica di Wolfsburg ha raggiunto il quarto posto della classifica globale, ma l’obiettivo – secondo quanto dichiara Luca De Meo, responsabile Marketing del Gruppo – è divenire il marchio a più elevata vocazione e percezione ecosostenible a livello mondiale. Il marchio Volkswagen, secondo i dati, appare più ecologica della percezione che ne hanno i consumatori.

L’obiettivo del raggiungimento della vetta della classifica entro il 2018 passa per alcuni target intermedi che mirano ad un miglioramento di efficienza dal 10 al 15% di ogni nuova generazione, con una riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2015 delle vetture vendute in Europa al di sotto dei 120 grammi,e stabilimenti a vocazione più ecologica, nell’ordine del 25%, entro il 2018.

Volkswagen ha ricevuto anche l’elogio da parte della società di consulenza che assegna il premio per l’investimento di 600 m ilioni di euro in energie rinnovabili: solare, idraulica, eolica.

La casa automobilistica tedesca promuove il progetto Think Blue a favore dell’ambiente e dell’uso efficiente delle risorse.

 


Volkswagen, il celebre marchio acquista la totalità di Porsche

Posted in Porsche,Volkswagen by Luigi Riccio on lug 6th, 2012

Volkswagen annette al gruppo anche Porsche

Volkswagen, la celebre casa automobilistica di Wolfsburg acquista il 100% del marchio Porsche.

Ci sono voluti sette anni, anni nei quali la piccola Porsche aveva tentato la scalata al gigante Volkswagen senza però riuscirci, cumulando così più di 10 miliardi di debiti.

L’acquisizione del restante 50,1% è costata 4,46 miliardi, e segue altre portate a termine da Volkswagen nel corso degli anni. Ricordiamo che marchi come Audi, Skoda, Seat, Bugatti, Lamborghini, Bentley gravitano nell’universo Volkswagen, arricchito negli ultimi mesi anche dalla chicca a due ruote del marchio Ducati, acquisita in particolare da Audi.

Le acquisizioni sono tutte strumentali alla crescita costante ed impetuosa della casa di Wolfsburg, che ha in progetto di superare Toyota e General Motors nella classifica delle vendite mondiali, piano che ha come orizzonte temporale di riferimento il 2018: con una “combinazione di successo economico e forza finanziaria con una condotta responsabile verso i clienti, i dipendenti, l’ambiente e la società” – afferma l’ad del gruppo Martin Winterkom.

 

 

 


Fiat 500L, un’auto da vivere

Posted in auto ecologiche,Fiat by Luigi Riccio on lug 5th, 2012

Fiat 500L, la casa torinese rinnova il modello best seller

La Fiat 500L viene presentata al pubblico, e si mostra subito come un’auto tutta da vivere.

Da vivere, si, giacchè la nuova Fiat 500L pare ssere un’auto più da vivere, da gustare in ogni sua caratteristica accessoria rispetto alla semplice guidabilità e prestazionalità.

“L” sta nelle intenzioni della casa torinese per Lounge, sta per Loft, termini che ne rimarchino l’attenzione agli spazi degli interni.

E il fatto che la Fiat 500L sia un’auto tutta da vivere lo sottolineano anche le partnerships con la Beats, o addirittuta con la Lavazza: si derubrica la desueta immagine di un’ auto talmente confortevole da offrire addirittura la possibilità di “fare il caffè”.

Non è che sia stata però trascurata l’attenzione ai motori: versioni Twin airFair e Multijet, con prestazioni di livello. Ma è alla ecososteniblità e soprattutto alla riduzione dei consumi che la Fiat ha dato preminenza nello sviluppo del nuovo modello 500L, con l’installazione del programma Ecodrive che consente di monitorare lo stile di guida dell’autista.

La nuova Fiat 500L è stata presentata come la prosecuzione di una linea di continuità con i modelli precedenti,  modelli di 500 tutti best seller: questa, come le altre, è un’auto per famiglie, una nuova declinazione di carrozzeria che riprende però le lineee guida delle precedenti: fruibilità per la famiglia,  godibilità degli spazi, agilità.

A breve verrà lanciata una nuova versione prettamente americana, destinata cioè solo al mercato d’oltreoceano, di 500L: un modello a sette posti ed in versione Trekking: parte l’assalto al mercato delle crossover, settore negli USA molto apprezzato.